Il futuro lume del remoto vero. Ippolito Nievo e la religione dell'ideale - Sorbonne Université Access content directly
Books Year : 2017

Il futuro lume del remoto vero. Ippolito Nievo e la religione dell'ideale

Abstract

Da Dante a Vico, da Cuoco a Foscolo, a Leopardi, a Mazzini, il passato è lo specchio ideale del futuro; e così anche per Ippolito Nievo. Nell'epoca del tramonto delle passioni rivoluzionarie, dopo la disfatta di Novara, è necessario "onorare il passato e affrettare il futuro", con la speranza e con le opere. Sorregge questa religione della coscienza la certezza di un disegno provvidenziale che svolge il suo corso; la illumina la fede nell'avvenire dell'umanità. E così Nievo indica l'ordito ideologico e poetico delle proprie opere, dall'Antiafrodisiaco per l'amor platonico alle Confessioni d'un Italiano: la necessità di fondare il progresso del genere umano e il risorgimento delle sorti nazionali su un ideale dello spirito, sulla linfa vitale che lega la memoria alla speranza, i fantasmi del passato all'orizzonte futuro delle idee.
No file

Dates and versions

hal-04005270 , version 1 (26-02-2023)

Licence

Copyright

Identifiers

  • HAL Id : hal-04005270 , version 1

Cite

Valeria Giannetti. Il futuro lume del remoto vero. Ippolito Nievo e la religione dell'ideale. Franco Cesati Editore, 2017, 978-88-7667-645-1. ⟨hal-04005270⟩
24 View
0 Download

Share

Gmail Mastodon Facebook X LinkedIn More